“L’accoglienza ha un limite”: la mozione approvata dal Consiglio Comunale. Pisa, 23 Marzo 2005

Consiglio Comunale di Pisa, seduta del 23-3-2005

Mozione presentata in aula dai gruppi della maggioranza. Approvata, con lievi modifiche, con il voto di tutti i consiglieri presenti ad esclusione di Maurizio Bini (Rifondazione Comunista)

Il Consiglio Comunale di Pisa

Ha da sempre sviluppato le politiche sociali cercando di favorire la reale integrazione dei soggetti più svantaggiati e anche nell’affrontare le problematiche della presenza di nomadi sul territorio ha sviluppato un modello unico a livello nazionale teso alla reale loro inclusione.

pertanto sentita la comunicazione del Sindaco sulla situazione di emergenza creatasi a seguito dell’incendio di un capannone dove erano ospitati circa 30 rumeni

ricorda che i suddetti erano stati già più volte segnalati alle Forze dell’Ordine perchè non rientranti nella possibilità di accoglienza del progetto “Le città sottili” volto a una politica di reale integrazione e non di mera risposta emergenziale

avendo gli stessi rifiutato la risposta all’emergenza, tesa a tutelare i minori in strutture di accoglienza

condivide la posizione assunta dal Sindaco e dalla Giunta sulla esigenza tesa a coinvolgere il Ministero degli Interni e ovviamente la Prefettura e la Questura, in una azione più efficace ad evitare l’aumento delle presenze Rom nel nostro territorio con rischio di fallimento del progetto di inclusione su cui è già fortemente impegnato.

1 Commento

Archiviato in rom

Una risposta a ““L’accoglienza ha un limite”: la mozione approvata dal Consiglio Comunale. Pisa, 23 Marzo 2005

  1. Pingback: La vertenza per i rom rumeni, primavera 2005 « Africa Insieme di Pisa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...