Pisa non è una città assediata. Appello (Aprile 2008)

Appello

Una parte rilevante della campagna elettorale si sta giocando sulla sicurezza: si parla di quartieri ostaggio di degrado e microcriminalità, si attribuiscono questi problemi alla presenza di alcune categorie di migranti – Rom, irregolari, ambulanti ­ e si propongono “ricette” repressive, come lo sgombero dei campi o l’allontanamento degli “abusivi” dal Duomo. Questa immagine di “cittadella assediata” contrasta però con la realtà in cui viviamo: un territorio tranquillo, dove i fenomeni criminali sono contenuti entro limiti fisiologici. La crescita della presenza migrante pone, è vero, questioni inedite, che però non hanno nulla a che vedere con la sicurezza.

Emblematico è il dibattito sul quartiere Stazione: la zona è punto di riferimento di molti stranieri, che qui trovano attività commerciali, luoghi di ritrovo, phone-center, ristoranti “etnici”, Kebab, negozi di bigiotteria e abbigliamento. Questo, evidentemente, non ha nulla a che vedere con la sicurezza: e i problemi, che pure ci sono, rischiano di venire oscurati dall’insistenza per l’ordine pubblico. Occorre anzitutto affrontare la questione del degrado fisico: serve una cura adeguata di strade e marciapiedi, una maggiore frequenza nel ritiro della spazzatura, una maggior illuminazione delle strade, la chiusura del cantiere davanti alle Poste e una destinazione d’uso per i numerosi immobili sfitti della zona. I fenomeni di alcolismo, tossicodipendenza e marginalità devono trovare risposte adeguate, dall’incremento dei posti-letto nei dormitori al rafforzamento della presenza di operatori di strada. E i conflitti tra commercianti italiani e stranieri vanno ricomposti con il dialogo, attivando appositi tavli per la risoluzione di problemi specifici. Anche la questione delle cosiddette “baraccopoli” è stata affrontata con superficialità. Si è parlato di invasione, quando dati ufficiali ci dicono che le presenze sono rimaste sostanzialmente stabili. Si è invocata l’insicurezza dei residenti vicini ai “campi”, quando il problema è l’esclusione abitativa di chi abita in baracche: che va affrontata incrementando gli alloggi per l’emergenza, e prevedendo l’inclusione nel programma Città Sottili di nuove famiglie, man mano che quelle già accolte si rendono economicamente autonome. Gli sgomberi, invece, incrementano le sofferenze di queste persone e non risolvono nulla, limitandosi a “spostare” interi gruppi da quartiere a quartiere. Infine, in nome di una fraintesa legalità, si sono criminalizzati migranti che vendono accendini e povere merci contraffatte: un reato, questo, analogo alla riproduzione non autorizzata di un cd musicale… E invece di affrontare il nodo vero ­ molti “vendono” perché non hanno il soggiono e non possono quindi lavorare ­ si è preferita la “linea dura”. Gli effetti sono sotto gli occhi di tutti: un dispiegamento inedito di violenza, con molti casi di migranti feriti, senza che la presenza di venditori sia diminuita. È tempo di agire in modo diverso, aprendo un tavolo tra migranti e operatori commerciali.

Questi esempi ci dicono quanto la cornice della sicurezza sia fuorviante per affrontare i problemi della città. Sul tema specifico dei migranti, i veri nodi non sono la legalità o la sicurezza, ma i diritti e l’accoglienza. I diritti, spesso negati, sono quelli alla salute, alla casa, al lavoro, alla partecipazione ed è proprio su questo che il Comune può intervenire perché questioni di propria competenza: occorre garantire a tutti le cure sanitarie, facilitandone l’accesso in particolare agli irregolari; si deve proseguire il percorso per il riconoscimento del diritto di voto, opponendosi in sede legale alla bocciatura del Governo; deve essere concessa la residenza anagrafica, come prevede la legge, anche accettando dimore improprie, campi o baracche; si deve combattere il lavoro nero, lavorando con la Prefettura per l’emersione dei migranti irregolari. Sull’accoglienza, non si parte da zero, perché il Comune ha già attivato numerosi servizi: e se alcuni di essi ­ come il programma “Città Sottili” per l’iserimento abitativo dei Rom ­ vanno rafforzati e ampliati rendendoli comunque attinenti alla dinamicità della realtà, altri vanno ripensati a fondo. Oggi si spendono ingenti risorse per strutture che accolgono stranieri adulti in età da lavoro, mentre i bisogni sono cambiati, e la domanda di accoglienza riguarda spesso intere famiglie con donne e bambini (che attualmente non trovano risposta).

È di questi temi che si deve discutere, non di un’astratta questione sicurezza: dietro la quale, negli ultimi mesi, si sono nascosti i nodi veri della nostra città.

Hanno aderito: Ass. Casa della Donna; Africa Insieme; Ass. Comedor Estudiantil Giordano Liva; Ass. Mezclar; Lab. Disob. Rebeldia; Marcello Cella, giornalista; Alfonso M. Iacono, doc. univ., preside Facoltà di Lettere; Giorgio Gallo, doc. univ., Presid. Corso di Laurea Scienze della Pace; Gianfranco Fioravanti, doc. univ.; Padre Agostino Rota Martir, sacerdote cattolico, campo Rom di Coltano; Matar N’Diaye, Pres. Consiglio Prov. degli Stranieri; Mohamed Abu Noman, Consiglio prov. Stranieri; Adonella Guidi, cons. di amministr. coop. Il Progetto; Marco della Pina, doc. univ.; Paola Bolelli, attrice teatrale; Claudia Melli, psicologa; Serena Pegna, doc. univ. sociologia delle migrazioni; Marta Bonetti, ricercatrice PROTEO Onlus; Martina Rovini, Unione Inquilini; Francesco Paolo Bonadonna, doc. univ.; Alessandro Breccia, assegnista univ. di Pisa, fac. Scienze Politiche; Riccardo Cerchiai, resp. centro di prima accoglienza; Tiziano Checcoli, avvocato; Tomaso Esposti Onagro, ricercatore; Giuliana Petrucci, ricercarice univ.; Rosangela Cingottini, dipendente universitaria; Paola Bora, ricercatrice; Fabio Taddei, ricercatore; Eleanor Jones, insegnante; Heather Jones, formatrice; Domenico Veneziano, geologo; Moira Bartoli, educatrice; Gianluigi Langone, educatore; Arianna Becherini, operatrice Centro per l’Impiego; Marta Debolini, dottoranda; Ilaria Gabbani, centro “De Giorgi” Pisa; Manlio Iofrida, doc. univ. filosofia; Giuliano Campioni, doc. univ.; Daniela Lucatti, scrittrice; Isa Ciani, pensionata; Martina Battaglia, studentessa; Cinzia Bucchioni, bibliotecaria; Giovanni Mandorino, informatico; Antonio Turelli, pensionato; Giuseppe Bartocci, assegnista Scuola Normale; Umberto Grassi, dottorando; Stefano Gallo, dottorando; Marco Cornolti, studente, ass. Acklab Pisa; Alice Ravasio, studentessa

Leggi anche: l’appello pubblicato sul Tirreno


1 Commento

Archiviato in Uncategorized

Una risposta a “Pisa non è una città assediata. Appello (Aprile 2008)

  1. Pingback: Primavera 2008, una campagna elettorale all’insegna della “sicurezza” « Africa Insieme di Pisa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...