False notizie contro la rom sfrattata a Coltano: la “macchina del fango”

Le case del villaggio rom a Coltano

False notizie e dicerie sulla rom sfrattata

Dicerie, pettegolezzi e false notizie.

Tutto quello che si è cercato di nascondere sulla vicenda dello sfratto di una donna rom e dei suoi cinque bambini, al villaggio rom di Coltano. Il comunicato di Africa Insieme.

Il 31 Gennaio, in piena emergenza freddo, il Comune ha sfrattato una donna con cinque bambini al villaggio rom di Coltano: questa drammatica verità è stata occultata da una sequela impressionante di dicerie, diffuse prima dagli amministratori, poi dal principale partito della città. Una vera e propria “macchina del fango” mobilitata per screditare un’intera famiglia.

A casa della donna, si è detto, si sarebbero trovati gioielli per centinaia di migliaia di euro, frutto di attività criminose; i parenti sarebbero proprietari di una villa e di attività commerciali confiscate dalla magistratura; infine, la donna sarebbe tra le protagoniste del rapimento della “sposa bambina”. Nessuna di queste informazioni corrisponde a verità.

Per il sequestro dei “gioielli”, la signora non è neanche imputata: è stata giudicata estranea ai fatti, ed è un’altra la persona che andrà a processo. Quanto alla “villa” dei parenti, il 12 Novembre 2011 la Corte d’Appello ne ha annullato la confisca, mentre il procedimento di sequestro delle attività commerciali è stato archiviato dal GIP il 10 Ottobre. Resta l’accusa della “sposa bambina”, su cui permangono molti dubbi che – si spera – verranno chiariti nel processo.

La realtà dei fatti è molto semplice. La signora è stata sfrattata perché imputata in un processo. Il Comune la considera colpevole a prescindere dalla sentenza, violando così la Costituzione, la Dichiarazione dei diritti umani e i principi più elementari del diritto (“l’imputato è innocente finché una sentenza non abbia accertato la sua colpevolezza”).

Con ammirevole candore, il Partito Democratico afferma che il Consiglio Comunale avrebbe chiesto di “superare, in questo caso, la cosiddetta presunzione di innocenza”. Un principio basilare dello stato di diritto verrebbe dunque “superato” (sic) dalla delibera di un Comune! Quando si tratta di rom si sospendono tutte le regole, salvo poi richiamare gli stessi rom al “rispetto delle regole”.

Il PD afferma che in questa vicenda le autorità locali “non hanno nulla di cui vergognarsi”. Perché allora lo sfratto è stato eseguito lontano dagli occhi indiscreti dei giornalisti? Cosa c’era da nascondere, se tutto era “secondo le regole”? Si voleva occultare lo spettacolo di una donna e cinque bambini lasciati al gelo? Si voleva mostrare che la signora aveva “rifiutato le proposte di accoglienza”, nascondendo il fatto che si volevano dividere i piccoli dalla loro mamma? Lo stesso comunicato del PD indica come soluzione l’affido a terzi dei bambini (temporaneo, ma per quanto?): l’unica “salvezza” dei figli consisterebbe dunque nel levarli alla madre…

A Pisa quando si parla di rom la responsabilità personale sancita dalla costituzione svanisce: si accusano intere famiglie, bambini compresi.

Ci pare che il senso vero di questa operazione sia più che trasparente. Il Comune ha smantellato il programma Città Sottili, sostituendolo con una politica sistematica di sgomberi. Lo sfratto di Coltano è solo uno dei tasselli di questa politica, a cui si accompagnano velenose campagne di stampa: si pensi alle continue esternazioni del Sindaco sulla presenza eccessiva di rom (come se un gruppo fosse di per sé portatore di problemi).

Pisa non è affatto “all’avanguardia” nelle politiche sociali: le scelte di questa amministrazione vengono al contrario seguite con crescente inquietudine dalle organizzazioni per i diritti umani, come dimostra il recente rapporto del Consiglio d’Europa.

La nostra città è diventata il teatro di una vera e propria “emergenza diritti umani”: è questa l’amara verità che ricaviamo dalla vicenda dello sfratto di Coltano.

Africa Insieme

11 Febbraio 2012

– Leggi anche: tutte le notizie sullo sfratto a Coltano

– Il comunicato di Africa Insieme in formato PDF

Lascia un commento

Archiviato in rom, Uncategorized

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...